Blockchain per le Comunità Energetiche

Row of house with solar panels on roof  on blue sky background. 3d illustration

Le prime comunità energetiche nascono in Europa già a partire dagli anni ’90. Vengono costituite principalmente sotto forma di Società Cooperative con l’obiettivo di promuovere la produzione condivisa e l’autoconsumo di energia da fonti rinnovabili, consorziando cittadini e PMI sensibili alle tematiche ambientali ma anche alla riduzione dei costi energetici. Ad oggi sono diverse decine di migliaia i cittadini europei le cui utenze elettriche domestiche beneficiano della partecipazione a progetti energetici cooperativi. Si tratta di realtà normate e riconosciute a livello europeo grazie anche alla direttiva RED II (Renewable Energy Directive). La produzione di energia elettrica da parte della comunità energetica può avvenire grazie al contributo di diversi attori della comunità, ad esempio

• attori della comunità energetica (case private, condomini, PMI) che possono realizzare sul proprio tetto e con finanze proprie un impianto fotovoltaico con capacità produttiva superiore alle proprie esigenze di autoconsumo
• attori che sono disposti ad ospitare gli impianti fotovoltaici sopra il proprio tetto ma che non hanno sufficienti finanze per realizzare gli impianti
• attori che non possono costruire impianti propri (a causa di impedimenti logistici o ambientali) ma che possono contribuire con un apporto finanziario alla realizzazione di impianti sul tetto di altri attori della comunità energetica. In questo modo, se non è materialmente possibile o economicamente vantaggioso per il singolo realizzare e gestire un proprio impianto fotovoltaico, attraverso l’aggregazione di più soggetti in una comunità energetica si creano condizioni economiche e logistiche favorevoli alla realizzazione di impianti condivisi dalla comunità a beneficio di tutti gli attori consorziati.

Una comunità energetica, come ogni cooperativa, si basa sulla fiducia tra i soci, regole condivise e trasparenza nella tracciatura della produzione e del consumo di quote di energia da parte dei soggetti della comunità. Pertanto, tali regole e transazioni vanno tracciate su un registro di “notarizzazione digitale” condiviso e distribuito tra i soci della comunità.

La piattaforma eggSolare è la prima implementazione europea di questa notarizzazione digitale a supporto delle comunità energetiche. Utilizza la tecnologia blockchain Ethereum per rappresentare le unità (token) di asset scambiabili tra gli attori della comunità, in particolare

• La porzione di proprietà di un determinato impianto di produzione facente parte della comunità, caratterizzato dalla sua capacità nominale di produzione elettrica (token-frazione-impianto). Ad esempio un impianto da 1MW di produzione viene rappresentato da 1 mio di token-frazione-impianto, ciascuno acquistabile dai soci della comunità attraverso finanze che poi vengono utilizzate per la realizzazione di tale impianto
• l’energia effettivamente prodotta da ciascun impianto e l’energia consumata da ciascun socio della comunità (token-credito-energia).

La prima comunità energetica italiana ad utilizzare la piattaforma blockchain eggSolare è eGreen Chain, società di nuova costituzione (startup innovativa) che realizza e gestisce gli impianti di produzione energetica, gestisce la comunità dei soci produttori, dei soci investitori, e stringe accordi con i distributori di energia interessati ad acquistare quote di elettricità prodotta da fonti rinnovabili. In questo modo, oltre all’autoconsumo, i soci della comunità possono beneficiare dei propri token-credito-energia convertendoli in sconto sulla bolletta dai distributori di energia convenzionati con la comunità energetica.

Oltre allo scambio di token-frazione-impianto e token-credito-energia tra i soci della comunità, eggSolare supporta anche il mercato secondario per tutti i soggetti esterni alla comunità energetica ma interessati all’acquisto di quote di elettricità prodotte da fonti rinnovabili (i.e. token-credito-energia), anche queste riconosciute come sconto in bolletta dal proprio fornitore di elettricità convenzionato con la comunità energetica.

Ex Machina progetta e sviluppa la piattaforma blockchain eggSolare per conto della comunità energetica eGreen Chain, titolare della piattaforma. Maggiori informazioni disponibili qui https://eggchain.net/eggsolare/

Condividi post su

Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp